Logo Life
Environment policy

Nel distretto conciario anche l’aria pulita è un'opportunità - Martedi 04 Gennaio 2005
Un ambiente pulito per i cittadini in cambio di un tornaconto economico per le concerie.

Si chiama emissions trading ed è uno strumento innovativo che la Provincia di Vicenza ha recentemente adottato con l’approvazione in Giunta di un sistema di scambio delle quote di emissione dei solventi da parte delle concerie della Valle del Chiampo.

“Negli ultimi sette anni –sottolinea l’assessore all’ambiente della Provincia di Vicenza Walter Formenton- l’emissione di solventi è calata di oltre il 45 %, passando da 18.000 a 9.500 tonnellate circa. Un obiettivo raggiunto attraverso un sistema di obblighi, con autorizzazioni rispondenti a criteri più restrittivi rispetto alla normativa nazionale, accettati e condivisi dal mondo produttivo. Ora è necessario spingere ulteriormente tale azione, e adottare strumenti innovativi che permettano di proseguire sulla strada del miglioramento ambientale.”

Una strada difficile ma che bisogna percorrere, visto che recentemente, nel novembre scorso, la Regione Veneto, nell’approvare il Piano Regionale di Risanamento dell’Atmosfera, ha riconosciuto il distretto conciario della valle del Chiampo come zona degradata dal punto di vista dell’inquinamento atmosferico per le sostanze definite come composto organici volatili (solventi).

Lo strumento dell’emissions trading, spiegano i tecnici provinciali, è mutuato nello spirito della direttiva adottata dall’Unione Europea per l’applicazione del Protocollo di Kyoto delle riduzioni delle emissioni in atmosfera dei gas ad effetto serra.

Prima in Italia ad agire a livello territoriale, e con molta probabilità anche in Europa visto che i precedenti si trovano quasi esclusivamente negli Stati Uniti d'America, la Provincia di Vicenza ha deciso di adottare lo stesso strumento anche per un singolo distretto industriale e per specifici inquinanti, i composti organici volatili.

In parole semplici, lo strumento dell’emissions trading prevede che un quantitativo annuo massimo di solventi utilizzabili già stabilito nell'autorizzazione, rappresenti non solo una prescrizione nell’esercizio dell’attività, ma anche una quota disponibile.

Le aziende più virtuose e che risparmieranno parte della quota, potranno venderla a quelle aziende che emettono una maggiore quantità di solventi, pur nel rispetto di un fattore di emissione adeguato, non tanto per cattiva volontà quanto per difficoltà legate al particolare ciclo di produzione; la quota venduta verrà decurtata di una determinata percentuale di solventi che consentirà di ottenere un beneficio ambientale.

“In questo modo –spiega l’assessore Formenton- c’è anche un tornaconto economico da parte delle aziende in una gestione oculata delle emissioni. I singoli ci guadagnano, l’ambiente si risana e l’aria che respiriamo è più pulita. E’ il sistema che ci guadagna, dovendo comunque trovare un equilibrio, anche se rimarranno aziende che inquinano di più e aziende meno, ma nella somma le emissioni calano progressivamente e la qualità dell’aria migliora.”

L’emissions trading, proposto dall'Ufficio Aria della Provincia, ha ottenuto l'approvazione da parte della Commissione Tecnica Provinciale per l’Ambiente, che l’ha ritenuto un incentivo efficace per consentire logiche di riduzione sul consumo dei solventi, con conseguente ottenimento di garanzie di beneficio ambientale.

Nella sezione Documenti è disponibile la Delibera di Giunta relativa all'Emissions Trading.


Search
Search within the site
Newsletter
Subscribe to the Newsletter.
Logo Provincia di VicenzaLogo Arpav
Involved bodies
Comune di AlonteComune di AltissimoComune di ArzignanoComune di BrendolaComune di CastelgombertoComune di ChiampoComune di CrespadoroComune di GambellaraComune di LonigoComune di MontebelloComune di Montecchio MaggioreComune di MontorsoComune di NogaroleComune di San Pietro MussolinoComune di SaregoComune di TrissinoComune di Zermeghedo
Last update on 16/08/2017